MySelf

Ho voluto bene a poche persone. Molte delle quali non l’hanno mai riconosciuto. Varie le motivazioni, scarne le fondamenta su cui poteva reggere un futuro.

Le ho amate per una questione di pelle, di carisma mentale. Per quell’affetto congenito, radicato, bevuto ad occhi chiusi e ben superiore al concetto stesso. Una simbiosi non conclamata, ma sostenuta da discrezione e profonditá d’animo. Un’affinitá che m’illudevo di tenermi stretta. Ma non é stato così. Le cose sono deflagrate dalla notte al giorno, senza preavviso, sassificandole quanto le pietre del Triassico.

Niente le ha rese come prima. Pietre erano e pietre sono rimaste; rovesciate da deliri e sedute psichiatriche poco risolutive, dove la cura non stava nel farmaco prescritto, bensì nel potere dell’ascolto della magnanimitá – cosa che ancora oggi stentano a capire – .

Queste persone adesso non ci sono più. Hanno sbaragliato la concorrenza altrove e per me non hanno nessuna importanza. Gli ho voluto bene, ma il mio di bene, é stato dimenticato, come l’amicizia che gli ho donato anche quando soffocavo. Come la speranza infusa malgrado la tristezza mi desse la caccia.

Ho sporcato momenti preziosi, standogli appresso. Parti di me hanno fatto i bagagli senza più tornare. Hanno divorziato dalla parola “fiducia”, perché tradite da quest’ultima, appunto.

Eppure il bene lo si da lo stesso; accettando fenomeni e paradossi, con il resto del mondo contro. Talvolta si ama solo per zittire l’altro. Si porta l’amore con sé pur di far vergognare chi non ce l’ha: pervasi dalla voglia di un senso, anche se é il senso a non avere quasi mai voglia di noi.

Faremmo qualsiasi cosa pur di attraversare l’Antlantico e conquistare nuove terre. Durante la regata però, un po’ ci si fotte; manca l’aria, si prendono pause e c’é stanchezza. I polmoni si chiudono e noi andiamo giù. Ma la veritá risale, ci riossigena, fiera del nostro impegno.

Allora bisogna amare coloro che il bene lo sanno dimostrare. Chi migliora la nostra vita senza volerci entrare per forza. Si deve amare chi ci risparmia dalle anime nere e non ci fa sentire in colpa.

Si deve amare la mano che salva; pescandoci laddove qualcuno voleva ancora punirci.

MySelf by Luce Argentea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...