NON SIAMO PIÙ NOI…

Ti ho stretto forte a me e ho sentito dolore.
Le braccia erano salde, ma il mio cuore colava a picco.
Ingoiavo saliva, mentre sentivo il destino separarci piano piano.
Pochi minuti per capirci.
Pochi minuti per sillabare il nostro amore.

Perfino in nostri nomi erano macigni,
identità straniere e smarrite.

Indossavi la maglietta del primo incontro,
quella di cotone sottile.
Profumava di follia,
di notti fuggiasche,
di sogni corrosi.
Un velo morbido che non ci avvolgeva come volevamo,
ma graffiava il tempo e tutti i ricordi.

Il declino della nostra storia
si era impossessato delle lacrime,
delle paure nutrite,
e di tutte quelle mancanze trascurate
che ci privarono l’arrivo di un’ alba.

Così,
staccai il mio corpo dal tuo,
e incominciai a prendere le distanze.
La mia mano destra,
ancora appiccicata,
e le labbra morse dallo strazio.
Gli occhi bruciavano,
e urlavano al posto mio.

Pronunciai l’addio.
con voce soffusa,
poi tenue
e infine netta.

Ti dedicai l’ultimo respiro,
l’ultimo tocco sul petto,
l’ultimo sguardo languido che precede un bacio.

Ti dedicai l’ultima carezza sulla guancia,
prima di vederti andare via.

Poesie di Luce Argentea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...